Convegno Cidi – Quali conoscenze per la scuola del terzo millennio

Il Cidi di Milano ha realizzato, con il contributo della Fondazione Cariplo, un Convegno articolato in quattro seminari su tematiche che, in questi ultimi tempi, possono aver trovato sollecitazioni, motivi e trasformazioni venute sia dall’evolversi delle dinamiche sociali, sia dalla nuova normativa scolastica.

 Video, Interviste, Foto dei Seminari

Questi appuntamento compongono il grande mosaico del Convegno organizzato per seminari dal titolo: “quali conoscenze per la scuola del terzo millennio”
Al centro del convegno  ci sono alcune grandi tematiche innovative importanti che riguardano:
a) Come Orientare ai talenti, allo sviluppo delle competenze e al mondo del lavoro e delle professioni;
b) la necessità di ripensare e di progettare un orientamento scolastico dentro al curricolo che parta dai primi anni della scuola;
c) l’alternanza scuola – lavoro e la necessità di fare, ad un anno dall’entrata in vigore obbligatoria, un primo bilancio per individuare i punti di forza e di criticità;
d) il profilo di competenze che uno studente deve possedere, composto da esperienze, intelligenze multiple e attitudini, per entrare nel mondo del lavoro;
e) i decreti atrtuativi della Legge 107, cosa ne pensa la scuola;
f) la sfida della complessità e il nuovo umanesimo; dalla cultura alla multiculturalità; come cambiano le conoscenze nell’epoca delle migrazioni.

Primo Seminario 2 – 3 Dicembre 2016
La Scuola Protagonista: Percorsi di Ricerca-Azione nel Curricolo dai 3 ai 16 anni.

Secondo Seminario 20 Gennaio 2017
Orientare ai talenti, allo sviluppo delle competenze e al mondo del lavoro e delle professioni.

Terzo Seminario 6 Marzo
La Legge 107 alla Prova delle Deleghe, le audizioni dal basso: la voce della Scuola.

Quarto Seminario 4 Maggio Diritti umani e multiculturalità: un’occasione per sperimentare nuovi percorsi sull’educazione alla cittadinanza. Esperienze, attitudini, intelligenze multiple, le competenze degli studenti alla prova dei Diritti Umani.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *